Scanne bielle

Parole di Ottaviano Giannangeli.  musica di Vannuzzi

Adriano Tarullo : Voce,chitarre,basso,tastiera,percussioni.

Corrado Pagliari : Uculele,versi strani.

O Scanne bielle

pusate tra ciele e culline

d’Abbruzze tu sì la regena,

sì propria degna de nu trone.

Stu lache nuostre

rechiama frestiere a migliara;

paese chiù bielle e chiù care ,

i’dece ne ‘nse po’ truvà!

O paese,

paese de ‘ncante

te vuoje bene tande

te vuoje bene tande;

o paese,

paese de ‘ncante,

te vuoje bene tande

chi te po’ scurdà!?

Ma tu nen pienze

ca Scanne tra tutte ste cose,

tè n’abbete bielle da sposa

che pe ju munne è recercate.

Quande le vide,

passà ste uaglione pe Scanne,

t’eccuorge ca propria ‘nce stanne

ste fiore manche alla città.

O paese,

paese de ‘ncante

te vuoje bene tande

te vuoje bene tande;

o paese,

paese de ‘ncante,

te vuoje bene tande

chi te po’ scurdà

Le altre canzoni dell’album

1- La leggenda de iu lache

2- Iu sfratte

3- Na ciambella ‘mbossa

4- Gioventù scallata

5- Vierne

6- Povera fijja me

7- Ziomas bblues

8- A Erminie

9- Scanne bielle

Page optimized by WP Minify WordPress Plugin