La leggenda de ju lache

Parole e musica di Adriano Tarullo

Adriano Tarullo : voci,chitarre,basso.

Corrado Pagliari : armonica.


È propria bbielle iu lache de Scanne nuostre

a ‘llappede nu juorne ddu ggire m’è bbretete

è remase senza fiate

e a ‘na barca m’è ppujate.

M’era addurmete ‘n ‘ghe ju sole ‘mbaccia m’allesceva

respereva già j’addore de’ la premavera

sajetta a ju suonne

m’è reviglie ch’era sera

M’è retruvate ‘nghe la barca ‘mmiezze a ju lache

all’ambruvvesa steva suole e senza reme

povere a mè ‘ndeva fa

e’ cumenzata a alluccà.

Alluccheva forte ma nesciune me sendeva

tra le mundagne pure la luna ce ne redeva

quaccune avrà reflettute

a Frattura ce stà ju lupe.

L’acqua era jelata, era inutele che me jetteva

alla Madunnella c’ è parlate che nà preghiera

m’ha ditte, “èsse t’ha a move”

e ha cumenzate a piove.

Dalla spiaggetta de’ La Villa m’iene sendute,

e che tre barche ‘na morra de persone so partute,

m’iene pundate na luce

quande m’iene recunusciute

quaccune m’ha alluccate:

“ ma era ste cecate

le mostre de’ le lache”.

Le altre canzoni dell’album

1- La leggenda de iu lache

2- Iu sfratte

3- Na ciambella ‘mbossa

4- Gioventù scallata

5- Vierne

6- Povera fijja me

7- Ziomas bblues

8- A Erminie

9- Scanne bielle

Page optimized by WP Minify WordPress Plugin