Mountain Rock. Il rock and roll di montagna ovvero Brunzstock (2012).

Anche quest’anno l’evento mountain rock si è materializzato nella notte. È il Brunzstock, l’evento montano dell’anno. Tutto in una notte, in una location misteriosa nelle montagne abruzzesi si fa festa fino a tarda notte al ritmo del rock and roll.

Il nome allude al fatidico concerto di Woodstock, come molti altri hanno fatto, riproponendo eventi con la “stock” finale nel nome. L’unicità del Brunzstock è sicuramente la location decisamente mountain rock, infatti organizzare un evento dentro un bosco sui 1200 metri di quota sul livello del mare ha decisamente un fascino particolare e chi ne partecipa rimane colpito proprio da questo.

L’idea sostanzialmente è quella di fare festa, ritrovarsi tra amici mangiando salcicce, bevendo birra e chiaramente ascoltando musica dal vivo. Più che una rassegna musicale dove ascoltare vari gruppi che suonano, il Brunzstock è un jam festival dove è possibile suonare un proprio repertorio e inserirsi in quello di altri.

Brunzstock 2012

Brunzstock 2012. La location

Quest’anno, come due anni fa, abbiamo avuto il piacere di ascoltare il danese Gudmund Auring, un uomo dalla folta barba bianca, che per l’occasione suona i classici del rock and roll con la chitarra classica. Come al solito è riuscito a trasportare i ragazzi che lo hanno sostenuto con danze peace and love. A seguire tutte le altre mountain rock band. Oltre alla fedelissima Sbend, ha partecipato la cantante blues Elsa, il duo chitarra e voce dei Cash e Carry (la tribute band di Johnny Cash ), gli amici della Clp con “Lu campe de Bocce”e la compagnia di Aurora venuti da Roma, ottimi musicisti che si sono inseriti in ogni contesto musicale della serata.

Tags:

Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:

Page optimized by WP Minify WordPress Plugin