Il segreto dei Led Zeppelin: riprendere vecchi blues della musica tradizionale!

I Led Zeppelin, innovatori della musica rock negli anni ’60, ’70 attingevano dalla musica tradizionale del blues.

Mi sono imbattuto in una serie di tre video, che puoi vedere nel fondo del post, in cui c’è già il lavoro bello che fatto di accostamento tra canti di vecchi bluesman e le rivisitazioni dei Led Zeppelin, in cui si accusano quest’ultimi di aver accreditato come proprie canzoni che in realtà sono dei blues provenienti dalla musica tradizionale afroamericana.

Led Zeppelin I

Led Zeppelin I

La cosa che mi ha sorpreso è la quantità di canzoni che non sono dei Led Zeppelin, ma che nel tempo sono sempre passate come tali. In realtà sono canti tradizionali afroamericani, riproposti in un primo momento da bluesman come Willie Dixon, Sonny Boy Williamson II, Memphis Minnie etc che il gruppo inglese ha inciso in versioni decisamente personali, introducendo parti musicali inedite, anche se in casi specifici come Black Mountain Side e Dazed e Confused credo sia evidente il plagio.

Per un approfondimento vi rimando alla sezione “ Imputazioni di plagio” della pagina dedicata ai Led Zeppelin  su Wikipedia.

Premetto che l’ascolto dei Led Zeppelin ha influito decisamente sulla mia crescita musicale e ringrazio Dio per aver creato questo incantesimo, in cui ogni componente del gruppo ha contribuito a creare una potente alchimia musicale con il quale è stato possibile apprezzare brani che altrimenti sarebbero stati difficili da conoscere.

copertina_i vuojje bbene a nonnate

I vuojjie bbene a nonnate

In realtà io non conoscevo affatto tutto questo retroscena di cover musicali e immediatamente è stato inevitabile per me ricondurre questa storia a quella mia personale in cui la stessa operazione di riadattamento di canzoni tradizionali, nello specifico abruzzesi,  è stata fatta da me e dalla Sbend (puoi ascoltare un esempio qui), con l’intento di rimettere in luce questi brani che altrimenti andrebbero persi per sempre (Album I vuojjie bbene a nonnate del 2010). Di certo non ci siamo accreditati la paternità dei brani, anche se nelle rivisitazioni è stato concesso molto spazio all’inventiva, stravolgendo la struttura musicale, tanto da creare quasi delle nuove canzoni.

Non voglio alludere a nessun paragone con i Led Zeppelin, non ho nessuna pretesa puoi stare tranquillo, ma mi fa piacere che inconsciamente abbia intrapreso uno stesso percorso di uno dei gruppi che hanno inciso profondamente sulla mia formazione musicale.

E adesso…i video!

Tags: ,

Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:

Page optimized by WP Minify WordPress Plugin