La storia di una suocera e di un genero in una canzone abruzzese

Questa è una storia raccontata in una canzone abruzzese. Chissà quante storie esistono tra una suocera e un genero, quanti litigi, quante scelte per il quieto vivere.

La classica aspettativa di una mamma (la suocera) è quella di vedere la propria figlia che riesce a sposarsi con un bravo uaglione(il genero), magari che lavora in banca, o quanto meno che riesce a portare uno stipendio dignitoso a casa. Guai però se il genero non da l’apparenza di esserlo.

L’ho voluto raccontare con una storia ironica prendendo spunto dalla vita di tutti i giorni e dai proverbi popolari. La canzone abruzzese si chiama “Povera fijja me“.

folk-rock abruzzese statocaster

Sacce cu è ju bblues - album del 2006

La storia di una mamma tipicamente abruzzese (la commare) che non è felice della scelta della propria figlia, che si presenta a casa con un uomo che in apparenza le pare un poco di buono, che porta i tatuaggi, gli orecchini, i capelli lunghi.

Quindi a suo modo di vedere non può essere il padre dei suoi nipoti…fino a quando  ha un illuminazione perché lo vede cantare in televisione scoprendo che è famoso e ha le tasche piene di quattrini.

La reputazione della commare cambia d’improvviso, e da quel momento in poi lo accoglierà a casa con un sorriso ammassandogli gnocchi freschi freschi…

Nel video una versione dal vivo,con sonorità elettriche, al teatro Talia di Tagliacozzo nel 2008.

Puoi ascoltare la versione in studio e scaricare l’intero album in cui è contenuta da qui. Troverai anche il testo della canzone e la traduzione in italiano.

Tags: ,

Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:

Page optimized by WP Minify WordPress Plugin