Gruppi musicali che cantano in dialetto abruzzese: Lu Blues

Oggi scopriremo uno dei gruppi musicali che cantano in dialetto abruzzese.

Un po’ di tempo fa, ho ricevuto una piacevole e-mail di Massimiano Torto, batterista e componente storico del gruppo musicale abruzzese Lu Blues. Dopo qualche battuta, abbiamo reciprocamente constatato il piacere di viaggiare sulle stesse frequenze. E non è poco.

Ci siamo scambiati qualche mp3 degli ultimi brani registrati e sono rimasto positivamente colpito sia dalla sagace ironia dei testi in dialetto abruzzese che gli originali arrangiamenti che questa band è riuscita a creare.

lu blues

Lu Blues nasce a Chieti nel 1990 con il nome di True Stories Blues Band, dal momento che usa il blues per raccontare, con toni ironici e goliardici, storie vere di vita vissuta, con testi unicamente in dialetto abruzzese.

Qualche anno dopo il nome cambia in Lu Blues, più diretto ed efficace.
La band si esibisce in lungo e in largo nei peggiori bar e bettole della regione, partecipa a diverse manifestazioni e rassegne musicali come l’Aventino Blues Festival ed il Murphy’s Blues festival, dove riceve un riconoscimento come band originale.

Negli ultimi anni il gruppo sta esplorando nuove sonorità e si sta aprendo a contaminazioni etniche e folk, conservando la caratteristica che lo contraddistingue: tanta sana autoironia!

Voglio proporti l’ascolto di uno degli ultimi brani da loro creati, si chiama “Abusive”. Buon ascolto

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Testo della canzone

ABUSIVE

M’arrizze la matine e parte oilì oilà

a cacce de munnezze ma quande ce ne sta!

Fore e’ tutte scure, nebbie, smog e idrocarbure

ma tande ‘ngi sta frette, stenghe cuppate ‘nghe l’apette

e tenghe tempe di fermarme a lu camiuncine de la purchette

Fatte la colazione na sigarette na tazze a vole

na soste a sole a sole s’intravvede nu chiarore

ma che panorame la munnezze a tunnellate

cuscì nen ‘mpaghe l’affitte tenghe la ville di eternit

e stenghe belle… pe’ la majelle

nen me vergogne e stenghe fregne

E so cundende

camine, sguazze e m’arrucelieje mmezze a lu cemende

porte l’ape senza patende…

e so cundende!

Songhe abusive

mmezze a lu schife, li cartune e la schiume di detersive

m’ allutrieje e me sende vive..

songhe abusive!

Abballe a la Pescare chi t’incondre lu cumbare

”Cumba’ damme na mane: caricheme stu divane”

mmezze a li calcinacce m’areccoje tre quattre stracce

nu mobile de l’ufficie e ddu mezze lavatrice

se nen funzione

l’attacche ‘nghe lu file de la frizione

Prime che fa sere me cungede cacche stacche

puramende so sincere me facesse na suatte

‘nghe che la zingarelle quand’e’ doce e quand’e’ belle

lu core m’ha rapite stenghe tutte sturdillite

e poi parteme, speremendeme,

l’invenzione de l’apette ‘nghe la camere da lette

Che meravije

a ccore a ccore ce ne jeme e addo’ ci piace ce fermeme

e pazzijeme a acchiappe o pije

che meravije

Stenghe cuppate

facce l’amore ‘mbrastucchiate stese mmezze a la ‘nzalate

e me le magne a mmuccicate…

stenghe cuppate!

E so cundende

camin sguazze e m’arrucelieje mmezze a lu cemende

porte l’ape senza patende…

e so cundende!

Songhe abusive

mmezze a lu schife, li cartune e la schiume di detersive

m’ allutrieje e me sende vive…

songhe abusive!

Songhe abusive!

Nen paghe l’iva!

Songhe abusive

Tags: , ,

Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:

Page optimized by WP Minify WordPress Plugin