Cellefrigo ovvero la sala prove

Tutto quello che può accadere all’interno della sala prove, denominata Cellafrigo (per le temperature non certo hawaiiane), di una compagine di strani individui facenti parte dell’AdrianoTarullo Sbend. Da notare l’arredamento della Cellafrigo, una cucina dismessa, provvista di maioliche al muro e file di piatti sullo scaffale. Dire che sono fuori di testa, sarebbe al quanto riduttivo, un modo di dire troppo consueto e abusato. Questi sono Dentro di coccia, basta guardare il pianista.

Il pezzo “I vuoje bbene a nonnate” farà parte del nuovo album ed è la derivazione della logorata gavetta della Sbend nei più loschi bazar abruzzesi.

Tags:

Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:

Page optimized by WP Minify WordPress Plugin